Vuoi prenotare una vacanza? Questo è il momento migliore: il prezzo dei biglietti è calato del 91%

Andare in vacanza risparmiando è ancora possibile, basta scegliere il momento migliore per prenotare e risparmiare veramente tantissimo. 

Oggi l’era dei biglietti low cost sembra quasi essere giunta al termine, qualche offerta di tanto in tanto ancora è reperibile, ma mai a prezzi che sbancano il mercato. Occorre quindi farsi furbi, per qualunque tipo di vacanza, prenotando nel momento migliore.

vacanza prezzo biglietti
Come prenotare una vacanza a prezzi scontati (cityzen.it)

Questo permette di ottenere uno sconto del 91% sul prezzo, ma bisogna seguire attentamente un trucco in particolare per poterne beneficiare realmente. Nel tempo si sono diffusi molti trucchi da impiegare per abbattere totalmente il costo finale e quindi bisogna approfittarne.

Come risparmiare sui costi della vacanza: sconto fino al 91%

Il prezzo di una vacanza è dato da diversi fattori, la fama di quel luogo e quindi quanto è gettonato, il costo della vita sul posto ma anche che tipo di tratta copre quel viaggio e quindi se ci sono molti vettori o pochi, se si può arrivare in treno o solo con l’aereo. Di fatto ci sono una serie di elementi da considerare per capire come procedere.

prenotare vacanza momento migliore
Il momento migliore per prenotare una vacanza (cityzen.it)

Ovviamente la stagionalità è tutto, non è una novità che ci sono periodi particolarmente costosi come Natale, Pasqua, le vacanze estive, Ma ci sono anche momenti come il periodo gennaio-marzo che invece consentono di risparmiare veramente tanto perché a causa del clima non proprio favorevole, tendenzialmente c’è un flusso minore di viaggiatori.

Nelle ultime settimane si è parlato di una riduzione del 91% dei costi rispetto a Natale e siamo appena ad un mese di distanza, quindi tra dicembre e gennaio c’è veramente un abisso. Ovviamente chi vuole viaggiare nei mesi di alta stagione sarà costretto a spendere tanto ma imparare a cavalcare l’onda dell’economia di viaggio ovviamente è una scelta consapevole.

Questa decrescita così importante determina quindi la questione tempistica come fondamentale. I mesi più caldi, a partire dal periodo primaverile, determinano un primo innalzamento dei costi che poi esplode nei mesi estivi per decrescere a fine settembre. Quindi da dicembre ai primi di gennaio, nel periodo delle feste, cresce nuovamente per assestarsi subito dopo e diventare nettamente economico almeno fino ad aprile.

In questo bilancio il peso lo hanno le feste comuni ma anche quelle dei singoli paesi. Quindi la questione mesi non è legata solo al fattore climatico, che dipende sempre dal luogo verso cui si viaggia, ma anche dal fattore feste. Per questo ci possono essere delle oscillazioni con cifre nettamente differenti.

Impostazioni privacy