Trasformare le ferie in soldi: quando il datore di lavoro è obbligato a pagarle

Trasformare le ferie in soldi non è un miraggio ma un’opportunità reale: ecco i casi in cui il datore di lavoro deve pagarle

Il pensiero di non usufruire delle ferie mette amarezza, perché significa non aver la possibilità di godersi del sano relax lontano dalle incombenze lavorative. Ma c’è la possibilità di trasformare le ferie in soldi, basta rientrare in casistiche specifiche. Con questa guida è possibile capire quale situazione lo permette, e soprattutto come porla in essere.

Come trasformare le ferie in soldi
Ferie, quando vanno pagate – Cityzen.it

Le ferie sono un diritto, qualsiasi lavoratore deve avere il tempo di riposarsi e ricaricare le pile, specie se si passa la maggior parte delle proprie giornate sul posto di lavoro. Diciamo che lo stress può avere varia natura, anche sociale. Infatti, “staccare la spina” dai colleghi è un gesto che preserva la sanità mentale se il contesto lavorativo è duro.

Quello che però molti non sanno, è che c’è un modo per trasformare le ferie in soldi. Ci sono dei contesti e dei casi limite, nei quali non è più una possibilità vedersi pagare le ferie. In questi casi per il datore di lavoro diventa un dovere e un obbligo. Ecco come trasformare le ferie in soldi.

Trasformare le ferie in soldi, ecco quando può succedere

Quindi, confermata la condizione che in certi casi le ferie possono essere trasformate in soldi, bisogna però capire quali sono le situazioni in questione. Ovviamente, non vale per tutti e in qualsiasi contesto, ma bisogna far luce su quei parametri che determinano il diritto di cui si sta parlando. Anche perché in genere è la stessa Costituzione a impedire al lavoratore di rinunciare alle ferie, poiché sancite come diritto.

La miglior tattica per trasformare le ferie in soldi
Ferie, quando vanno pagate – Cityzen.it

Ogni dipendente ha diritto ad almeno 4 settimane di ferie all’anno, salvo che il Contratto Collettivo ne stabilisca di più. Ovviamente, non si possono barattare le ferie in cambio di una paga maggiore, ma attualmente entra in gioco un’importante sentenza della Corte di Giustizia Europea, la quale sancisce una condizione specifica, ma soprattutto innovativa. A questa ha fatto poi seguito una pronuncia della Cassazione che stabilisce la suddetta situazione.

Il datore di lavoro è obbligato a pagare le ferie non godute, quando il rapporto di lavoro cessa nel corso dell’anno. Ad esempio, se ci si dimette o si viene licenziati a luglio, prima di aver goduto delle ferie programmate per agosto, ecco che subentra l’obbligo di pagamento. Perché le ferie maturate devono essere obbligatoriamente convertite in denaro.

Impostazioni privacy