Subito 1.000 euro in più grazie al “Bonus bastone”: la nuova agevolazione da non perdere

In arrivo un Bonus da 1.000 euro per aiutare i nuclei in difficoltà, ma bisogna affrettarsi perché sta per scadere il tempo per richiederlo.

La crisi economica e l’aumento del costo della vita sta mettendo in ginocchio le famiglie, costrette a fare i salti mortali per affrontare tutte le spese.

bonus anziani
Nuovo Bonus dal valore di 1.000 euro (cityzen.it)

Per tutelare chi è in difficoltà, sono state approvate una serie di agevolazioni, destinate a diverse categorie e fasce d’età. Oltre ai benefici rivolti ai nuclei familiari con figli a carico (come l’Assegno Unico e Universale e il Bonus università) e ai disoccupati (come l’Assegno di Inclusione), particolare rilievo rivestono i sussidi per gli anziani.

Questi ultimi, infatti, possono ottenere il cd. Bonus bastone, se possiedono tutti i requisiti prescritti dalla normativa di riferimento. Vediamo di cosa si tratta e quali sono le condizioni per richiederlo.

Bonus da 1.000 euro per gli anziani: chi può ottenerlo e come si presenta la domanda?

Per assicurare qualche ora di relax, svago e benessere alle persone più anziane che, però, non hanno la possibilità economica di andare in vacanza, è stata promossa un’interessante iniziativa, per i soggetti con più di 60 anni di età, che possono accedere a un Bonus del valore di ben 1.000 euro.

bonus terme over 60
Bonus rivolto alle persone anziane (cityzen.it)

Nel dettaglio, si tratta di un sussidio per un soggiorno termale, in strutture selezionate, tra il 13 e il 25 ottobre ad Alì Terme, in provincia di Messina. Può richiederlo chi ha fino a 80 anni di età e rientra in specifiche soglie di ISEE. In particolare, se si possiede un ISEE compreso tra 0 e 2 mila euro, si ha diritto al soggiorno interamente gratuito (del valore di 1.000 euro). Chi, invece, ha un ISEE tra 2.001 e 5 mila euro, potrà usufruire della misura solo pagando il 20% del costo totale. Per i soggetti con ISEE superiore a 15 mila euro, è previsto il pagamento dell’intera spesa per il soggiorno.

Gli interessati devono fare in fretta, perché il termine per la presentazione delle richieste scadrà il 14 giugno 2024.

Attenzione, però, perché si tratta di un’iniziativa locale, rivolta esclusivamente a coloro che risiedono a Nardò, in provincia di Lecce. Chi possiede tutti i requisiti descritti, deve inviare domanda utilizzando i moduli prestampati disponibili presso gli Uffici situati a Via Falcone, Nardò, oppure scaricabili dal portale ufficiale del Comune.

Nel caso in cui le istanze siano superiori ai posti a disposizione, verrà redatta una graduatoria e verrà data la precedenza ai soggetti con ISEE inferiore.

Impostazioni privacy