Sono la piante più pericolose da tenere in appartamento, ma nessuno lo sapeva: controlla subito

È bello ravvivare il proprio appartamento con delle piante ma ce ne sono alcune molto pericolose che non vanno tenute in casa.

Le piante sono un elemento di arredo molto elegante da tenere in casa. Donano un tocco di colore e di classe a qualsiasi stanza. Inoltre, alcune purificano l’aria e aiutano a conciliare il sonno. 

Alcune piante in casa andrebbero evitate perché potenzialmente pericolose per la salute
Alcune piante in casa andrebbero evitate perché potenzialmente pericolose per la salute – cityzen.it

Insomma, oltre ad essere belle sono anche funzionali. Ci sono però alcune piante che sono pericolose e che andrebbero evitate (o rimosse immediatamente se già sono presenti in casa).

Piante in casa, queste sono pericolose

Le piante donano colore e gioia ad ogni appartamento: si possono posizionare sul davanzale della finestra, sugli scaffali e negli angoli delle stanze. Tuttavia non tutte si dovrebbero tenere in casa a cuor leggero.

Alcune piante in casa andrebbero evitate perché potenzialmente pericolose per la salute
Alcune piante in casa andrebbero evitate perché potenzialmente pericolose per la salute – cityzen.it

Infatti ci sono alcune piante che possono essere pericolose per noi esseri umani e per gli animali. Un esempio è l’Oleandro: questa è una pianta molto bella con fiori spettacolari ma contiene dei glicosidi cardiaci, vale a dire delle sostanze molto velenose se vengono ingerite. Possono infatti causare bassa pressione sanguigna, battito cardiaco irregolare, visione offuscata, nausea, vomito, mal di stomaco, svenimento, mal di testa e anche il decesso.

Quindi tale pianta può risultare particolarmente pericolosa per i bambini e gli animali domestici. La Digitalis purpurea (o Guanto di volpe viola o Guanto di signora) è un’altra pianta molto bella, che fiorisce ogni due anni. Anche questa contiene dei glicosidi cardiaci e, per di più, negli anni in cui non fiorisce, le sue foglie sembrano degli spinaci. Quindi in molti potrebbero essere invogliati ad assaggiarle o a prepararsi un infuso.

Queste sono molto pericolose perché possono causare nausea, vomito e bassa frequenza cardiaca. Se succede, è importante recarsi subito in ospedale. Un’altra pianta che non si dovrebbe tenere in appartamento perché è pericolosa è il Filodendro. È una pianta che necessita di poche cure e che può essere rampicante o meno, tuttavia contiene cristalli di ossalato che possono essere tossici quando si toccano o si ingeriscono le foglie.

Se si ingeriscono, gli ossalati possono causare dolore alla bocca, gonfiore, deglutizione dolorosa e sbavatura. Possono anche causare arrossamento e irritazione alla pelle e agli occhi. La Dieffenbachia è un’altra delle piante pericolose da non tenere in appartamento, sempre per la presenza dell’ossalato. Se le foglie vengono ingerite, gli ossalati possono provocare perdita della parola.

Fortunatamente i sintomi di intossicazione possono essere placati facilmente, a volte anche senza andare in ospedale. Infine il Ficus, una pianta molto in voga nell’interior design, tuttavia, se accidentalmente si rompe il gambo o una foglia, potrebbe rilasciare del lattice, potenzialmente pericoloso per i soggetti che ne sono allergici. Ne devono stare alla larga coloro che hanno una forte allergia a questo materiale o i soggetti che soffrono di grave orticaria.

Impostazioni privacy