Sai leggere un verbale di invalidità? Ecco i trucchi per capire a quali benefici hai diritto

In seguito alla visita per l’accertamento dello stato di handicap viene rilasciato un verbale dalla Commissione medica. Vediamo cosa contiene e come si consulta.

Al termine della valutazione delle condizioni di salute del soggetto sottoposto a visita medica, la Commissione è tenuta a emettere un verbale, nel quale viene specificato se l’invalidità è riconosciuta o meno.

verbale invalidità civile
Cosa contiene un verbale di invalidità? (cityzen.it)

Ai fini della tutela dei dati personali, i verbali vengono emessi in due formati. Uno che contiene tutte le informazioni relative al paziente (anche i cd. dati sensibili) e un altro nel quale tali dati sono oscurati e sono indicate solo le agevolazioni a cui il disabile ha eventualmente diritto.

Nel dettaglio, nel verbale di invalidità ci sono:

  • i dati anagrafici;
  • i dati che riguardano la condizione sanitaria accertata;
  • i dati relativi alla valutazione della Commissione medica;
  • i dati relativi all’eventuale revisione.

Scopriamo quali sono le voci a cui prestare attenzione e quelle più rilevanti ai fini della fruizione dei diritti spettanti.

Verbale di invalidità: come capire quali agevolazioni spettano?

L’elemento più significativo del verbale di invalidità è, senza dubbio, la valutazione medica.

elementi verbale invalidità civile
Il verbale di invalidità contiene una serie di informazioni (cityzen.it)

La Commissione, al termine dell’accertamento delle condizioni di salute del paziente, può indicare le seguenti condizioni:

  • persona con handicap (art. 3, comma 1, Legge 104/1992)“: vuol dire che è stata riconosciuta una situazione di disabilità ma senza connotazione di gravità;
  • persona con handicap con connotazione di gravità (art. 3, comma 3, Legge 104/1992)“: indica che il soggetto è affetto da una minorazione che ha causato la riduzione dell’autonomia personale e per questo necessita di assistenza permanente, continuativa e globale. Tale situazione consente di richiedere permessi lavorativi e congedi retribuiti;
  • persona handicappata con un grado di invalidità superiore ai due terzi (art. 21, Legge 104/1992)“: denota uno stato di invalidità molto grave, per il quale si ha diritto a beneficiare della scelta prioritaria tra le sedi di lavoro disponibili.

Molto importante è anche l’ultima parte del verbale, nella quale sono contenute le informazioni riguardanti l’eventuale revisione dell’invalidità. In tal caso, sono possono essere specificate due voci:

  • esonero da future visite di revisione in applicazione del DM 2/8/2007“: indica la mancanza di futura revisione. Caratterizza i verbali dei soggetti affetti dalle patologie elencate nel Decreto Ministeriale del 2 agosto 2007, per cui si percepisce l’indennità di accompagnamento o di comunicazione. L’invalido, dunque, non dovrà più sottoporsi a visite future;
  • revisione“: indica se l’invalidità è soggetta o meno a revisione. Nel primo caso, sono specificati il mese e l’anno, mentre nel secondo caso l’invalido potrebbe comunque essere convocato per visite di controllo a campione.
Impostazioni privacy