Rivoluzione WhatsApp tra pochi giorni, a breve l’app si ‘apre’ ad altre chat: non è l’unica novità!

Un cambiamento importantissimo per WhatsApp a breve, poiché potranno arrivare messaggi anche da altre chat: i dettagli

Le novità nel mondo della tecnologia in generale, e nello specifico per quanto riguarda la nota piattaforma di messaggistica istantanea WhatsApp non si fermano davvero mai, ed un grosso cambiamento è in arrivo tra pochi giorni per l’utenze. A portare la popolare applicazione a tale cambiamento sono le spinte dell’Unione Europea.

Rivoluzione WhatsApp dall'11 aprile
WhatsApp si ‘apre’ ad altre chat dall’11 aprile: i dettagli – cityzen.it

Gli utenti più attenti alle vicende del mondo WhatsApp sanno bene che gli aggiornamenti e le novità sono all’ordine del giorno o quasi, con cambiamenti che arrivano per migliorare sempre più l’esperienza d’uso, fornendo nuovi strumenti e possibilità prima non previste. In tale specifico caso si parla particolarmente di una grossa novità e di un bel cambiamento.

A partire dall’11 aprile, infatti, come la stessa azienda Meta ha avuto modo di annunciare, l’utente potrà scegliere se ricevere, all’interno di WhatsApp, messaggi che provengono anche da altre applicazioni, comprese anche le concorrenti dell’app ‘verde’ medesima. Si tratta, come detto, di un grosso cambiamento che ha a che fare con quanto richiesto dall’Unione Europea a proposito dell‘inter-operabilità di alcune delle piattaforme di messaggistica istantanea.

Novità WhatsApp imperdibile, cosa può cambiare sin dall’11 aprile e l’altra novità da sapere

Un aggiornamento importante, dunque, quello che coinvolge WhatsApp in base alle richieste sul tema inter-operabilità provienienti dall’Unione Europea. Coloro che si sono iscritti all’app ‘verde’ dopo il quindici di febbraio hanno già avuto modo di accettare i nuovi termini. Viceversa, altri lo potranno fare attraverso una notifica nei giorni a venire.

Rivoluzione WhatsApp dall'11 aprile
WhatsApp e chat di terze parti: le novità da scoprire – cityzen.it

Ad esser prevista dall’art.7  del DMA (Digital Markets Act), il quale regola i requisiti d’inter-operabilità, è la possibilità legata allo scambio dei messaggi, delle immagini, dei messaggi vocali, delle clip e ulteriori file fra i singoli individui. Nell’arco di 2 anni tutto ciò dovrà esser possibile anche all’interno delle chat di gruppo, mentre nell’arco di 4 anni all’interno di chiamate vocali e video, singole e di gruppo.

Sin dall’undici aprile, dovrebbe esser resa disponibile dalla piattaforma una nuova voce nel menù delle impostazioni tramite cui procedere all’attivazione o disattivazione della ricezione de messaggi da “chat di terze parti“. Ad ogni modo, lo scambio non sarà imminente. Meta richiede alle applicazioni da supportare specifici requisiti di sicurezza, in aggiunta alla ricezione dai servizi di terze parti della domanda di interazione. Quest’ultima non partirà da WhatsApp ma dai concorrenti.

La durata del processo d’inter-operabilità potrà estendersi sino a 3 mesi. Come detto poi, non si tratta della sola novità per l’utenza in UE, visto che l’app ‘verde’ si occuperà di gestire i loro dati all’interno del quadro dell'”Es-Us Data Privacy Framework“. Si tratta cioè di un accordo legato al trasferimento di info personali tra UE e USA, la cui entrata in vigore risale allo scorso luglio. Infine, a partire dall’11 aprile cambierà l’età minima per utilizzare WhatsApp nell’area geografica dell’Europa, poiché da sedici anni si passerà a tredici.

Impostazioni privacy