Pensioni, rinviati gli aumenti annunciati: ecco chi dovrà ancora attendere per avere quello che gli spetta

È in arrivo un ulteriore ed ennesimo rinnovo per quanto riguarda gli aumenti da tempo annunciati in merito alle pensioni: ma chi riguarda? 

Da tempo ormai si parla della condizione attuale in cui versa l’Italia, della crisi economica che ha ormai messo sotto scacco ognuno di noi e soprattutto delle difficoltà che le categorie più a rischio e deboli stanno affrontando da più di un anno. Insomma, la situazione è senza dubbio poco facile e soprattutto non sembra avere grandi miglioramenti in vista.

pensioni aumenti in arrivo
Aumento pensioni, cosa cambia? – cityzen.it

Proprio per questo motivo, il governo ha deciso tra i tanti propositi di concentrarsi su una specifica categoria spesso ignorata o ancora lasciata a se stessa: stiamo parlando di quella dei pensionati, che forse più di tutti stanno andando incontro a degli enormi ostacoli.

In particolare, dunque, è stato deciso un aumento delle pensioni proprio con l’obiettivo di poterle rendere più eque rispetto a quello che è l’attuale caro vita: ma cosa bisogna sapere in proposito? 

Aumenti rinviati per le pensioni, per chi

Ebbene sì, sembra proprio che dopo tanta attesa sia ora finalmente arrivato il momento di poter parlare e godere dei tanto famosi e chiacchierati aumenti che si verificheranno su alcune pensioni con l’arrivo del mese di gennaio. Aumenti che, come ricordiamo, sono stati ritenuti necessari con l’obiettivo di rendere più idonea la propria somma pensionistica all’attuale caro vita sempre più in aumento a causa dell’inflazione. Eppure, nonostante per molti adesso sia arrivato il momento di poterne godere, non possiamo dire lo stesso per tutti coloro che rientrano in questa categoria.

pensioni aumenti in arrivo
Aumento pensioni – cityzen.it

Secondo quanto stabilito da un ultimo controllo IRPEF, infatti, sembra proprio che alcuni pensionati non verranno inclusi negli attuali aumenti delle pensioni previste per l’inizio del 2024 e che, per la precisione, sono già visionabili all’interno dei cedolini resi disponibili dall’INPS Sembra, infatti, che proprio nelle ultime giornate siano numerosi gli utenti che hanno fatto presente un mancato arrivo di questi tanto agognati e attesi aumenti. Ma com’è possibile? La risposta è subito data.

Pare, infatti, che per gli aumenti previsti e stabiliti in merito alle pensioni del nuovo questi corrisponderanno circa a un 5,4 per cento. C’è però un dettaglio che proprio non può passare inosservato: la percentuale che vi abbiamo appena citato, infatti, non verrà applicata a tutti i pensionati, ma solo a coloro i cui assegni inerenti al mese di dicembre 2023 non superino i 2272 euro lordi mensili, vale a dire un corrispettivo di quattro volte il trattamento minimo INPS. Che, per chi non lo ricordasse, è di 567,94 euro. Per finire, ricordiamo che per poter visionare il proprio cedolino non bisogna fare altro che entrare nella propria area personale MyInps con le credenziali affidate a ognuno di noi.

Impostazioni privacy