Luna, gli USA lanciano un razzo dopo più di 50 anni

Il primo lander lunare statunitense dopo più di 50 anni è partito lunedì verso la Luna, scopriamo cosa significa questo per Astrobotic, l’azienda che lo ha lanciato, e le concorrenti

Il primo razzo lunare dopo più di 50 anni è partito lunedì verso la Luna, dagli Stati Uniti, lanciando tutte le altre aziende private in una corsa allo spazio per effettuare “consegne” per la NASA e altri clienti del rango.

Il lander della Astrobotic Technology è salito su un razzo nuovo di zecca pochi giorni fa, il Vulcan della United Launch Alliance.

Il razzo Vulcan ha attraversato il cielo americano all’alba, collocando la navicella su un percorso circolare verso la Luna che dovrebbe culminare con un tentativo di atterraggio il prossimo 23 febbraio.

Le dichiarazioni della Astrobotic Technology

Siamo molto, molto eccitati. Stiamo andando sulla luna!“. Così ha dichiarato emozionato e determinato John Thornton, amministratore delegato di Astrobotic.

L’azienda di Pittsburgh mira ad essere la prima impresa privata ad atterrare con successo sulla Luna, cosa che hanno fatto solo quattro Paesi. Ma anche un’azienda di Houston ha un lander pronto a volare e potrebbe precederla sulla superficie lunare, prendendo una strada più diretta.

La prima azienda privata a sbarcare, forse

Peregrine 1 è il primo veicolo spaziale statunitense e privato a tentare un atterraggio sulla Luna. Ma potrebbe essere battuto sul traguardo dal lander lunare di Intuitive Machines, con sede a Houston, che sarà lanciato il mese prossimo a bordo del razzo Falcon 9 di SpaceX e prenderà una rotta diretta verso la Luna.

Secondo l’Associated Press, un’importante testata statunitense, i due allunaggi potrebbero avvenire a distanza di giorni o addirittura di ore l’uno dall’altro.

Per questo Thornton ha dichiarato che quello di lunedì è stato: “Il primo a lanciare. Il primo ad atterrare è TBD”, quindi da definire (to be defined, dall’inglese).

I 4 paesi che sono sbarcati sulla Luna

L’Unione Sovietica e gli Stati Uniti hanno accumulato una serie di atterraggi lunari di successo negli anni ’60 e ’70, prima di mettere in pausa i touchdown. La Cina si è unita al club elitario nel 2013 e l’India nel 2023.

Ma l’anno scorso anche la Russia e un’azienda privata giapponese hanno sbattuto sulla Luna. Un’azienda israeliana senza scopo di lucro si è schiantata nel 2019.

Gli incentivi della NASA

La NASA ha dato alle due aziende menzionate sopra milioni di dollari per costruire e far volare i propri lander lunari.

L’agenzia spaziale vuole che i lander di proprietà privata esplorino il luogo prima dell’arrivo degli astronauti, consegnando al contempo esperimenti tecnologici e scientifici della NASA e altre cose per altri clienti. Il contratto di Astrobotic per il lander Peregrine è di 108 milioni di dollari.

L’ultimo lancio lunare e quelli previsti nel 2024

L’ultima volta che gli Stati Uniti hanno lanciato una missione di allunaggio è stato nel dicembre 1972. Gene Cernan e Harrison Schmitt dell’Apollo 17 divennero l’11° e il 12° uomo a camminare sulla Luna, chiudendo un’era che è rimasta l’apice della NASA.

Il nuovo programma Artemis dell’Agenzia spaziale – che prende il nome dalla sorella gemella di Apollo nella mitologia greca – mira a riportare gli astronauti sulla superficie lunare nei prossimi anni. Il primo passo sarà un fly-around lunare con quattro astronauti, forse entro la fine dell’anno appena cominciato.

Il lancio del Vulcan a lungo rimandato finora

L’evento più importante di lunedì è stato il volo di prova iniziale del razzo Vulcan dalla stazione spaziale di Cape Canaveral, in California, che era stato a lungo rimandato.

Il razzo, lungo 61 metri, è essenzialmente una versione aggiornata del cavallo di battaglia Atlas V di ULA, che sta per essere eliminato insieme al Delta IV. La compagnia missilistica di Jeff Bezos, Blue Origin, ha fornito i due motori principali del Vulcan.

Un’impresa davvero difficile

Il mese prossimo, SpaceX fornirà il supporto per un lander di Intuitive Machines. Il percorso più diretto del lander Nova-C, della durata di una settimana, potrebbe vedere entrambi i veicoli spaziali tentare di atterrare a pochi giorni o addirittura a poche ore di distanza l’uno dall’altro.

La discesa di un’ora sulla superficie lunare – di gran lunga la sfida più grande – sarà “eccitante, emozionante e terrificante allo stesso tempo”, ha detto Thornton.

Razzo Vulcan USA lancio dalla Terra
Razzo lunare Vulcan USA | EPA @CRISTOBAL HERRERA-ULASHKEVICH – Cityzen.it

Numerosi i tentativi del 2023 di sbarcare sulla Luna

Il lancio della missione Peregrine 1 segue diversi atterraggi e tentativi sulla Luna nel 2023. Nell’agosto dello scorso anno, l’India è diventata il quarto Paese a riuscire ad atterrare con successo sulla Luna con la missione lunare Chandrayaan-3. La missione indiana è stata anche il primo atterraggio riuscito in prossimità del polo sud lunare.

Anche la navicella spaziale russa Luna-25 ha tentato un atterraggio in agosto, ma la missione è fallita dopo lo schianto della navicella sopra riportato. A settembre, il Giappone ha lanciato il suo lander lunare – Smart Lander for Investigating Moon (SLIM) – che dovrebbe toccare la superficie lunare alla fine di questo mese. Anche lui.

Astrobotic e i suoi trasporti spaziali

Oltre a far volare esperimenti per la NASA, l’Astrobotic ha avviato una propria attività di trasporto, imballando il lander Peregrine, alto 1,9 metri, con qualsiasi cosa, da una scheggia di roccia del Monte Everest e automobili giocattolo del Messico che si catapulteranno sulla superficie lunare e vi gireranno intorno, alle ceneri e al DNA di appassionati dello spazio deceduti, tra cui il creatore di “Star Trek” Gene Roddenberry e lo scrittore di fantascienza Arthur C. Clarke.

Trasporti che andrebbero regolamentati secondo molti

La Nazione Navajo ha recentemente chiesto di ritardare il lancio a causa dei resti umani, affermando che si tratterebbe di una “profonda profanazione” di un corpo celeste venerato dai nativi americani.

Thornton ha detto che le obiezioni di dicembre sono arrivate troppo tardi, ma ha promesso di cercare di trovare “un buon percorso” con i Navajo per le missioni future.

Un acceso dibattito in corso

Una delle società di memorie spaziali che ha acquistato spazio sul lander, Celestis, ha dichiarato in un comunicato che “nessuna cultura o religione possiede la Luna e non dovrebbe essere in grado di porre il veto a una missione”.

Altri resti si trovano sullo stadio superiore del razzo che, una volta liberato dal lander, girerà indefinitamente intorno al sole fino a Marte.

L’ultimo lancio è molto diverso dagli altri di Astrobotic

Le tariffe di trasporto per Peregrine variavano da poche centinaia di dollari a 1,2 milioni di dollari per chilogrammo (2,2 libbre), non abbastanza per consentire ad Astrobotic di chiudere in pareggio. Ma per questo primo volo, secondo Thornton, non è questo il punto.

I sogni e le speranze di molte persone dipendono da questo“, ha concluso sullla questione.

Impostazioni privacy