Giappone, quali sono stati i terremoti più violenti della storia?

Quello di lunedì è solo uno degli eventi sismici catastrofici che purtroppo tempestano la storia del Giappone, insieme ai relativi tsunami. Ecco i più violenti di sempre

Il Giappone ha una storia di terremoti molto nota. Ogni anno circa 1.500 terremoti colpiscono l’arcipelago del Sol Levante, mentre scosse minori si verificano quasi quotidianamente.

Ciò significa che i terremoti mortali sono una parte tragica ma costante del passato della nazione.

In questi giorni si contano le vittime dell’ultimo sciame di scosse potenti nel Giappone centrale, iniziate questo lunedì. Ma ecco un excursus di quelle più dannose della storia.

Perché il Giappone è un terreno così sismico?

Il Giappone ha un potenziale così elevato di terremoti e disastri perché la nazione si trova in cima a quattro enormi lastre della crosta terrestre, chiamate placche tettoniche. Queste placche si schiacciano e si macinano tra loro e scatenano terremoti mortali, come quello di magnitudo 9,0 che viene ricordato come quello dell’11 marzo (era il 2011).

Situato sull'”Anello di fuoco”, un arco di vulcani e fosse oceaniche che circonda in parte il bacino del Pacifico, il Giappone è responsabile di circa il 20% dei terremoti di magnitudo 6 o superiore nel mondo e ogni anno registra fino a 2.000 scosse che possono essere avvertite dalle persone.

Il terremoto del primo gennaio 2024

Nel pomeriggio del 1° gennaio 2024, un terremoto devastante si è verificato a 89 km a nord di Toyama alle 16:10 ora locale. Il sisma ha avuto una magnitudo di 7,5 punti della scala Richter e si è verificato a una profondità di circa 10 chilometri. Solo nel raggio di 200 km dall’epicentro vivono più di sei milioni di persone.

Nei giorni successivi si sono verificate numerose scosse di assestamento. 44 di queste hanno avuto una magnitudo superiore a 2,5, e la scossa di assestamento più forte ha avuto una magnitudo di 6,2.

Terremoti così violenti si verificano solo raramente, infatti si tratta del terremoto più forte nel Paese da oltre 9 anni. Vediamo dove si colloca questo evento sismico nell’elenco dei più grandi terremoti del Giappone, in base alla loro magnitudo sulla scala di magnitudo del momento.

Il peggior terremoto in Giappone non è stato il più grande

Il peggior terremoto di tutti i tempi in Giappone non è stato neanche lontanamente il più grande.

Nel 1923, un terremoto di magnitudo 7,9 colpì la pianura di Kanto sull’isola di Honshu la mattina del 1° settembre. La scossa durò fino a 10 minuti in alcuni punti. Il terremoto devastò Tokyo, allora sede di circa 2 milioni di persone, e causò danni diffusi in tutta la regione del Kanto.

Il sisma causò 142.800 vittime, diventando uno dei più letali di tutti i tempi, anche e soprattutto delle attrezzature e tecnologie limitate dell’epoca.

I 9 terremoti più violenti del Sol Levante

Japan monte Fuji in bianco e nero
Japan monte Fuji | Unsplash @ClayBanks – Cityzen.it

9 – Terremoto di Genroku, 1703

In Giappone si sono verificati due terremoti con un numero di vittime impressionante, superiore a 100.000 persone. Il terremoto di Genroku del 1703 fu solo di magnitudo 8.0, ma con il suo tsunami uccise più di 108.000 persone.

Genroku si riferisce all’era giapponese che va dal 1688 al 1704. Il terremoto colpì effettivamente la baia di Sagami, a circa 40 chilometri a sud-ovest di Tokyo. Si è rotto nel mezzo di una placca tettonica, a differenza del terremoto più recente del Giappone, che ha colpito dove due placche si sono unite.

8 – Terremoto di Nankaido, 1946

Alla vigilia della Seconda guerra mondiale, un terremoto di magnitudo 8,1 colpì Nankaido, in Giappone, il 20 dicembre 1946. Il terremoto fu avvertito dall’Honshu settentrionale, l’isola più grande del Giappone, dove vivono circa 100 milioni di persone, fino all’isola più meridionale di Kyushu. Il terremoto uccise 1.362 persone.

Il sisma si è verificato nel Nankai Trough, una zona di subduzione in cui una placca tettonica scivola sotto un’altra. Qui i terremoti si sono verificati ogni 100-200 anni a partire dal VII secolo.

7- Terremoto di Aomori, 1968

Questo terremoto di magnitudo 8,2 colpì al largo della costa orientale di Honshu, vicino a Misawa, in Giappone, e fu seguito da un grande tsunami che causò 52 vittime.

6 – Terremoto delle Isole Curili, 2006

Non tutti i terremoti di grandi dimensioni sono mortali. Nel 2006, una scossa di magnitudo 8,4 ha causato uno tsunami che ha colpito la costa settentrionale del Giappone. Ma nessuno è stato ucciso sulle isole scarsamente popolate, che ospitano circa 19.000 persone.

La scossa si è verificata a circa 30 km di profondità, innescando uno tsunami che ha ferito una persona a Waikiki, nelle Hawaii. Lo tsunami ha danneggiato anche i moli di Crescent City, in California, colpita duramente dallo tsunami del mese scorso.

5 – Terremoto di Sanriku, 1933

Nel 1933, un terremoto di magnitudo 8,4 ha scatenato uno tsunami che ha causato danni diffusi alle città della costa di Sanriku, nella regione di Tohoku, a Honshu, provocando più di 3.000 vittime.

Il terremoto si è verificato a circa 180 miglia (290 km) dalla costa, ma lo tsunami è stato abbastanza forte da spazzare via circa 3.000 case. Nella baia di Ryori di Honshu sono state registrate onde fino a 28,7 metri. Alle Hawaii sono state registrate onde di quasi 3 metri.

4 – Terremoto di Ansei-Nankai, 1854

Il Giappone è stato colpito da numerosi altri terremoti di magnitudo 8,4. Il terremoto di Ansei-Nankai uccise 10.000 persone sull’isola di Kyushu, diventando il più letale della sua portata. All’epoca, il terremoto fu attribuito a un pesce gatto gigante, chiamato Namazu, che si agitava nelle acque, secondo un articolo del 2006 del Journal of Social History.

Ansei è il nome dell’epoca giapponese che va dal 1854 al 1860. Nankai è il nome del bacino in cui si è verificato il terremoto, a sud di Honshu.

Questo terremoto ha colpito appena un giorno dopo il terremoto Ansei-Tokai, di dimensioni simili, che ha ucciso 2.000 persone. Un anno dopo, il terremoto Ansei Edo, di magnitudo 6,9, avrebbe ucciso 6.600 persone.

3 – Terremoto Meiji-Sanriku, 1896

Questo terremoto di magnitudo 8,5 uccise più di 27.000 persone a Sanriku, quasi nello stesso luogo del terremoto del 1933. Il terremoto in sé era troppo lontano dalla costa per causare molti danni, ma ha innescato un enorme tsunami. Lo tsunami attraversò l’Oceano Pacifico fino alle Hawaii e alla California. Il terremoto è stato seguito da 76 scosse di assestamento di magnitudo 5,0 o superiore.

2 – Terremoto di Hoei, 1707

I primi anni del 1700 furono un periodo molto intenso dal punto di vista sismico. Pochi anni dopo il terremoto di Genroku, una scossa di magnitudo 8,6 uccise 5.000 persone nelle regioni di Nankaido e Tokai, sulle isole di Honshu e Shikoku.

Il terremoto ha rotto tutti i segmenti della faglia di Nankai, l’unico terremoto di cui si abbia notizia. Si ritiene inoltre che abbia innescato l’eruzione del Monte Fuji quasi 50 giorni dopo.

1 – Terremoto e tsunami di Tohoku

L’11 marzo 2011, il Giappone ha registrato il più forte terremoto della sua storia. Il terremoto ha colpito sotto il Pacifico settentrionale, a 130 chilometri (81 miglia) a est di Sendai, la città più grande della regione di Tohoku, una parte settentrionale dell’isola di Honshu.

Il terremoto di Tohoku ha causato uno tsunami, parola che in giapponese significa “onda del porto”, ed è notoriamente una serie di potenti onde causate dallo spostamento di un grande specchio d’acqua. La maggior parte degli tsunami, come quello che si è formato al largo di Tohoku, sono innescati da attività tettoniche sottomarine, come terremoti ed eruzioni vulcaniche.

Le enormi conseguenze del sisma di Tohoku

Lo tsunami di Tohoku ha prodotto onde alte fino a 40 metri. Più di 450.000 persone sono rimaste senza casa a causa dello tsunami. Più di 15.500 persone sono morte. Lo tsunami ha inoltre gravemente danneggiato le infrastrutture del Paese.

Oltre alle migliaia di case, aziende, strade e ferrovie distrutte, lo tsunami ha causato la fusione di tre reattori nucleari della centrale di Fukushima Daiichi. Il disastro nucleare di Fukushima ha rilasciato materiali tossici e radioattivi nell’ambiente e ha costretto migliaia di persone a evacuare le proprie case e attività.

Impostazioni privacy