Esenzione ticket per reddito, se non fai questo passaggio non ti spetta e paghi tutto

Sono diverse le categorie di cittadini che possono usufruire dell’esenzione ticket per reddito ma servono azioni ben precise.

Gli assistiti che hanno l’esenzione dal ticket possono effettuare in modo completamente gratuito tutte le prestazioni necessarie alla salute, prescritte dal medico curante e anche in caso di accesso al Pronto Soccorso.

esenzione ticket reddito disoccupati
Anche se spetta l’esenzione ticket per reddito bisogna effettuare dei passaggi burocratici – Cityzen.it

Le categorie di cittadini aventi diritto sono diverse ed esistono dei codici alfanumerici da apporre nella ricetta medica, che vanno a individuare suddette categorie.

A chi spetta l’esenzione ticket sanitario?

Esistono diversi tipi di esenzione ticket: oltre a quello “per reddito” sono previse esenzioni anche per malattie croniche, malattie rare, per invalidità, per gravidanza e per diagnosi precoce dei tumori, nonché sui test gratuiti per l’HIV.

come ottenere esenzione ticket per reddito
Attenzine alla procedura da fare per ottenere l’esenzione ticket per reddito – Cityzen.it

Per quanto riguarda le esenzioni per reddito, sono individuate alcune situazioni familiari e reddituali, ed esistono diversi codici che vanno a riconoscere le categorie di cittadini a cui spettano le esenzioni.

  • CODICE E01: Cittadini di età inferiore a 6 anni e superiore a 65 anni, se appartengono a un nucleo familiare con reddito annuo complessivo non superiore a 36.151,98 euro;
  • CODICE E02: Disoccupati e loro familiari a carico appartenenti a un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro, reddito che sale fino a 11.362,05 euro in presenza del coniuge; per ogni figlio a carico è previsto un ulteriore incremento di 516,46 euro;
  • CODICE E03: Titolari di pensione sociale e loro familiari a carico;
  • CODICE E04: Titolari di pensioni minime e di età superiore a 60 anni, e loro familiari a carico, appartenenti a un nucleo familiare con un reddito annuo complessivo inferiore a 8.263,31 euro; il valore sale a 11.362,05 euro in presenza del coniuge; per ogni figlio a carico è previsto un incremento di 516,46 euro.

Attenzione a questo passaggio, se non rispetti le normative il diritto all’esenzione ticket sparisce

Si potrebbe pensare che basti appartenere alle categorie di assistiti sopra citate per avere l’esenzione ticket sanitario automaticamente. In realtà bisogna prestare attenzione ad alcune casistiche.

Un soggetto, pur avendo diritto di esenzione, potrebbe non risultare nella lista che i medici di famiglia possono consultare. Ad esempio i disoccupati e chi è esente dalla presentazione della dichiarazione dei redditi (come i pensionati al minimo e i pensionati sociali) devono autocertificare ogni anno il loro status, in modo da comparire nell’elenco e ottenere le prestazioni senza pagare il ticket. Per farlo, devono rivolgersi all’ASL territoriale di competenza e comunicare l’appartenenza alle categorie.

Allo stesso modo, se lo status economico o altri parametri vengono meno, gli assistiti devono comunicare tempestivamente all’ASL le variazioni.

Impostazioni privacy