Eredità: meglio la successione o le donazioni? Praticamente tutti sbagliano

Vuoi lasciare in eredità la tua casa? Ecco cosa devi sapere: successione o donazione. Cosa è meglio fiscalmente.

Quando i genitori diventano anziani e magari hanno fatto molti sacrifici per comprare una casa, cominciano a pensare quale sia il modo migliore per lasciare tutto ai propri figli, la domanda è sempre la stessa è meglio fare una donazione o lasciarla in eredità? Il motivo è anche fiscale, vogliono fare in modo che i figli non si trovino a pagare molte tasse su in immobile che è già stato supertassato! Bisogna quindi capire da questo punto di vista cosa convenga di più tra le due opzioni.

Eredità o donazione? Cosa conviene di più
Vuoi lasciare la casa ai tuoi figli? Controlla cosa conviene tra donazione o eredità-cityzen.it

Quando qualcuno vuole trasferire un suo bene ad un altro, può fare un atto di donazione o il testamento: nel primo caso il soggetto beneficiato entra in possesso della proprietà immediatamente mentre nel secondo caso avverrà dopo il decesso del donatore. La donazione ha un iter piuttosto facile: bisogna recarsi dal notaio alla presenza di due testimoni e se non si vuole perder possesso della proprietà immediatamente il donante può riservarsi l’usufrutto, può cioè viverci fino alla morte. Il testamento è l’altro modo per lasciare i propri beni ai figli o a chi si voglia.

Vediamo insieme quale sia la via migliore per lasciare i propri beni ai figli fra testamento e donazione.

Il testamento può essere olografo, scritto e conservato dal testatore stesso o pubblico cioè redatto davanti ad un notaio e conservato da quest’ultimo. A livello di tassazione più o meno le due tipologie si equivalgono: bisogna pagare un’imposta di registro pari al 9% che scende al 4% se si tratta di prima casa; c’è inoltre un’imposta di successione e donazione il cui importo varia a seconda del grado di parentela. Vediamo quali sono le aliquote per i diversi gradi di parentela:

Donazione o eredità prevedono adempimenti fiscali simili
Le imposte da pagare per una donazione o un’eredità sono praticamente le stesse-cityzen.it
  • se l’atto coinvolge ascendenti e coniugi l’imposta è al 4% ma deve essere pagata sull’eccedenza della franchigia che è di 1 milione di euro
  • tra fratelli e sorelle l’imposta è al 6% e la franchigia è pari a 100 mila euro
  • negli atti tra parenti fino al quarto grado, l’imposta è al 6%
  • per tutti gli altri è all’8%
  • nel caso in cui il beneficiario sia un portatore di handicap, la franchigia sale ad 1.500.000 euro

Naturalmente bisogna aggiungere alle imposte anche il pagamento dell’onorario del notaio che è necessario alla stesura di entrambi gli atti. La donazione quindi e la successione hanno costi praticamente simili.

Impostazioni privacy