È sempre più vicina la nuova scadenza della Rottamazione quater: non farti cogliere impreparato!

Tra qualche settimana scadrà il termine utile per il pagamento della quarta rata della Rottamazione. Cosa rischia chi non adempie?

Chi intende continuare a beneficiare dei vantaggi offerti dalla Rottamazione quater dovrà, entro il 31 maggio 2024, versare la quarta rata.

scadenza rata rottamazione quater
In scadenza la prossima rata della Rottamazione quater (cityzen.it)

I contribuenti, tuttavia, avranno ulteriori cinque giorni di tolleranza e, dunque, la possibilità di regolarizzare i pagamenti fino al 5 giugno 2024. Quali sono le tempistiche per adempiere e quali sono i pericoli per i debitori che non versano quanto dovuto entro i termini di scadenza? Vediamo cosa stabilisce la legge.

Rottamazione quater: entro quando vanno saldate le rate?

La Rottamazione quater consente ai contribuenti di estinguere in maniera agevolata i propri debiti con il Fisco.

rate rottamazione quater
Cosa succede se non si paga una rata? (cityzen.it)

Il vantaggio della misura consiste nella possibilità di pagare soltanto l’importo originario dei debiti contratti, senza interessi e sanzioni, interessi di mora e aggio. In particolare, vi rientrano i debiti superiori a mille euro iscritti a ruolo, notificati come cartelle esattoriali tra il 1° gennaio 2000 e il 30 giugno 2022.

I contribuenti hanno potuto scegliere di versare l’importo dovuto in un’unica soluzione oppure in massimo 18 rate. In quest’ultimo caso, le date da rispettare sono: il 31 ottobre 2023 per la prima o unica rata, il 30 novembre 2023 per la seconda rata, il 28 febbraio 2024 per la terza rata, il 31 maggio, il 31 luglio e il 30 novembre per le restanti del 2024. La scadenza delle prime tre rate, però, è stata posticipata al 15 marzo 2024.

Cosa succede in caso di mancato pagamento, pagamento tardivo o parziale anche di una sola delle rate? In questi casi i contribuenti perdono tutti i vantaggi offerti dalla Rottamazione e i pagamenti fino a quel momento effettuati saranno considerati come acconto sulla restante somma dovuta.

Per evitare problemi nei pagamenti, ricordiamo che è possibile optare per l’addebito diretto delle rate sul conto corrente. La richiesta può essere effettuata anche telematicamente, tramite il sito dell’Agenzia delle Entrate, alla sezione “Attiva/ revoca mandato SDD piani di Definizione agevolata“.

Per conoscere gli importi esatti da pagare, gli aderenti alla Rottamazione quater hanno ricevuto, tramite PEC o posta raccomandata, apposita comunicazione da parte dell’Ente di Riscossione. In particolare, la lettera contiene l’esito della richiesta, l’elenco dei debiti coinvolti e le somme dovute, con i relativi Moduli di pagamento.

Nel caso in cui la rateizzazione prescelta comprenda più di dieci rate, nella lettera sono stati inviati soltanto i primi dieci Moduli di pagamento e i rimanenti saranno spediti in un secondo momento, prima della data di scadenza dell’undicesima rata.

Impostazioni privacy