Doppia agevolazione per chi ha la legge 104 e 170: ecco come fare

Legge 104 e Legge 107 sono cumulabili e danno diritto ad un’agevolazione importante ma riguardano due condizioni differenti.

In alcuni casi è possibile richiedere il riconoscimento della Legge 104 e della Legge 107 anche se gli iter sono separati e va chiarito, in particolare, cosa spetta con una e cosa spetta con l’altra.

Doppia agevolazione con Legge 104 e 107: come si ottiene
Doppia agevolazione con Legge 104 e 107: come si ottiene (cityzen.it)

Spesso si tende a fare confusione ma riguardano settori distinti anche se i benefici sono cumulabili tra loro a seconda dei casi. Anche per quanto riguarda l’aspetto strettamente economico ci sono agevolazioni da considerare che sono distinte.

Legge 104 e 107: quando spettano

La Legge 104 è piuttosto nota e quindi molto più conosciuta, nei termini e nelle modalità, rispetto alle altre che sono settoriali. Viene riconosciuta a soggetti che hanno disagi fisici, psichici e sensoriali gravi e può essere aggiuntiva rispetto al conferimento dell’invalidità civile quindi anche per il pagamento mensile sono due cose differenti.

Doppia agevolazione con Legge 104 e 107: come si ottiene
Doppia agevolazione con Legge 104 e 107: come si ottiene (cityzen.it)

La Legge 170 invece riguarda i Disturbi Specifici di Apprendimento quindi DSA che permettono di ottenere delle agevolazioni per bambini e ragazzi anche relativamente all’apprendimento quindi al piano scolastico. Oltre a prevedere un iter apposito di formazione per il personale scolastico, la legge parla di inclusione in termini propri di apprendimento e anche l’individuazione di un piano didattico personalizzato.

Però bisogna scindere Legge 104 e Legge 107 perché non necessariamente un bambino o ragazzo che presenta un disturbo dell’apprendimento rientra nella Legge 104. Se non c’è disabilità, questa non viene attivata quindi ad esempio non spetta l’insegnante di sostegno ma degli strumenti di compensazione.

La Legge 107 riguarda solo i DSA. Dopo una prima valutazione scolastica quindi da parte degli insegnanti viene stilato un programma per capire come procedere ma anche di quali strumenti il bambino ha bisogno. Ci sono sia supporti appositi di tipo dispensativo che compensativo. Quindi viene redatto un piano apposito considerando gli obiettivi della classe e strutturando metodi personalizzati.

L’indennità di frequenza è un contributo di 333.33 euro mensili che vengono corrisposte laddove il bambino abbia problemi a svolgere le funzioni legate alla sua età, quindi prescinde dall’apprendimento. Ovviamente coloro che ottengono sia la Legge 104 che quella 107 possono accedere ad un numero maggiore di benefici anche sul piano scolastico.

Insegnante di sostegno, programma di studio personalizzato e anche metodi e strumenti appositi per aiutare le attività didattiche, possibilità di fare esami differenziati anche in termini di tempistiche, misure a sostegno psicologico, terapie riabilitative, agevolazioni fiscali per visite mediche e terapie apposite, benefici economici legati agli sconti sull’Iva per l’acquisto di prodotti che consentano di avere una vita senza  rinunce e detrazione Irpef al 19%.

Impostazioni privacy