Clienti Unicredit in pericolo, cosa è successo in banca

Una notizia circa la chiusura di uno sportello Unicredit ha riacceso i riflettori sulla problematica inerente la desertificazione bancaria.

In tutta Italia si sta verificando un fenomeno che non accenna a fermarsi e sta danneggiando i clienti di molte banche. Si chiama “desertificazione bancaria” ed è un processo intenzionale attuato dagli istituti bancari.

unicredit sportelli chiusi
Sempre più sportelli bancari chiudono, l’ultimo uno di Unicredit – Cityzen.it

Di recente, i cittadini di Lecce si sono trovati di fronte all’ennesima chiusura e hanno dovuto effettuare le operazioni presso un’altra sede bancaria. Ma ormai in tutto il Paese milioni di cittadini e imprese cominciano a essere in seria difficoltà.

Unicredit chiude gli sportelli esattamente come tutte le altre banche. Perché succede?

I dati divulgati lo scorso marzo dall’Osservatorio Desertificazione Bancaria rilevati tramite report di Banca d’Italia, Istat ed Eurostat sono allarmanti.

cos'è la desertificazione bancaria
Sempre più banche chiudono e cittadini e imprese sono in grande difficoltà – Cityzen.it

Non siamo di fronte a qualche disagio per i clienti, che si vedono ridurre, di fatto, alcuni servizi. Si parla addirittura di emergenza sociale poiché il fenomeno della desertificazione bancaria sta assumendo proporzioni preoccupanti. 

First Cisl ha deciso di lanciare un Osservatorio che riporta gli studi e le analisi del Comitato scientifico della Fondazione Fiba. Per capire la portata del fenomeno, ecco una sintesi dei dati aggiornati al 31 marzo 2024:

  • 4 milioni e 400 mila persone vivono in Comuni dove non c’è nessun sportello bancario; 266 mila imprese si ritrovano nella stessa situazione;
  • più di 6 milioni di persone risiedono in comuni dove c’è un solo sportello; 405 mila imprese vivono in comuni con un solo sportello.
  • In totale, c’è un’area vasta quanto Lombardia, Veneto e Piemonte messi insieme totalmente sprovvista di sportelli bancari.

Tutti gli istituti bancari coinvolti nella desertificazione, chi più chi meno, adducono il fenomeno ad un fattore molto semplice: il risparmio.

La banca, dunque, risparmia sui costi di gestione eliminando le sedi fisiche e anche i lavoratori al loro interno. Il risparmio però non si vede, ad esempio, in una riduzione del costo del conto corrente, anzi negli ultimi anni le spese correlate sono aumentate con regolarità.

Potremmo pensare che, in fondo, esiste l’home banking, che ormai si può utilizzare il cellulare per effettuare qualsiasi operazione, ma non è tutto così estremamente semplice.

Non tutti hanno confidenza con la “banca digitale”, basti pensare agli anziani, o alle persone poco istruite. Paradossalmente, come riporta proprio l’Osservatorio sulla Desertificazione Bancaria, “La popolazione senza sportello è anche quella che generalmente utilizza meno l’internet banking“.

Non dimentichiamoci poi che non avere accesso a uno sportello bancario significa anche – sia per i cittadini che per le imprese – avere meno chance di ottenere credito. 

I servizi digitali offerti dalle banche, poi, non colmano affatto il gap che si è creato con la desertificazione degli sportelli, e c’è di più.

Si palesa, con queste azioni, la volontà di costringere cittadini e imprese a ricorrere a conti virtuali (basti pensare al caso Intesa San Paolo, che ha addirittura spostato i correntisti su un conto virtuale con un’operazione poco chiara), con tutte le criticità che ne possono scaturire, com’è facilmente intuibile.

Impostazioni privacy