Bonus Mamme fino a 200 euro al mese: scopri come incrementare l’importo e accedere a vantaggi esclusivi

Le lavoratrici con figli possono richiedere il Bonus Mamme e ottenere un aumento direttamente in busta paga. A quanto ammonta il beneficio?

Le madri lavoratrici dipendenti pubbliche o private con contratto a tempo indeterminato (ad esclusione delle lavoratrici domestiche) hanno diritto a un nuovo Bonus, introdotto dalla Legge di Bilancio 2024.

bonus mamme 2024
Con il Bonus Mamme si può ricevere un incremento sullo stipendio fino a 250 euro al mese (cityzen.it)

Consiste nello sgravio contributivo totale, fino a 3 mila euro all’anno, per chi ha, nel 2024, almeno due figli di cui il più piccolo con meno di 10 anni di età, o almeno tre figli, nel biennio 2025-2026, di cui il più piccolo di età inferiore a 18 anni.

Il presupposto principale per accedere al Bonus mamme si ritiene soddisfatto alla nascita del secondo o del terzo figlio e si ritiene, in tale data, cristallizzato. Le lavoratrici, dunque, potranno ricevere la maggiorazione sullo stipendio anche nell’ipotesi di fuoriuscita dei figli dal nucleo familiare.

In pratica, i contributi a carico delle dipendenti che hanno almeno due figli vengono versati dallo Stato e, dunque, le beneficiarie potranno ottenere 250 euro in più ogni mese sulla busta paga. Ma a chi spetta l’agevolazione e come si richiede? Se non si effettuano specifici adempimenti si rischia di perdere l’esonero.

Bonus Mamme: è compatibile con altre misure di sostegno riconosciute alle famiglie con figli?

Il Bonus Mamme viene erogato a tutte le lavoratrici dipendenti che hanno due o tre figli, ma il suo valore varia a seconda dell’ISEE, anche perché l’incremento retributivo comporta delle conseguenze dal punto di vista fiscale.

importo bonus mamma
Come si richiede il Bonus Mamma? (cityzen.it)

L’aumento del reddito, inoltre, potrebbe influire su altri benefici, come l’Assegno Unico e Universale, perché si tratta di un sussidio il cui valore dipendente dalla condizione reddituale del nucleo familiare titolare.

Per questo motivo, prima di presentare la richiesta per il Bonus Mamme è opportuno valutare attentamente la propria condizione. Per esempio, chi ha un ISEE che risulta già superiore a 17.090,61, con un ulteriore incremento dello stipendio, perderebbe gran parte dell’importo spettante per l’Assegno Unico, fino a scendere a 57 euro, se di superano i 45.574,96 euro.

Ricordiamo, infine, che per ricevere l’esonero totale dei contributi a proprio carico, le lavoratrici devono comunicare al datore di lavoro la volontà di beneficiare dell’agevolazione e specificare il numero dei figli con il relativo codice fiscale.

Le interessate possono, inoltre, comunicare i codici fiscali dei figli direttamente all’INPS. Si tratta di un adempimento fondamentale ai fini del riconoscimento del sussidio, perché, in mancanza, i datori di lavoro non possono procedere con l’indicazione del valore dell’esonero spettante nelle denunce retributive.

Impostazioni privacy