Bonus fino a 3.800 euro per oltre 10 mila lavoratori: ricco regalo di primavera

Più di 70 mila dipendenti otterranno un Bonus dal valore massimo di 3.800 euro. Sembra un miraggio invece è un regalo vero. 

Ci sono aziende che hanno cura dei propri dipendenti e aziende che mirano solo la profitto non rendendosi conto dell’importanza della manovalanza e dei lavoratori. Le prime sono esempi da seguire perché solo dipendenti soddisfatti portano a risultati brillanti.

Che ricco Bonus da 3.800 euro!
Che ricco Bonus da 3.800 euro! (Cityzen.it)

Come raccogliere il consenso dei lavoratori e spronarli a fare sempre meglio? Con un Bonus da 3.800 euro che arriva come un regalo inaspettato per 70 mila dipendenti. L’importanza di creare un luogo di lavoro accogliente, in cui si valorizzano le persone, la loro intraprendenza e serietà non è stata recepita a fondo in Italia. Sono pochi i datori di lavoro che si impegnano affinché i dipendenti abbiano voglia di restare in azienda.

Questa “cultura del lavoratore”, invece, è più sentita in tante nazioni estere dove ci sono società con asili nido per i figli dei dipendenti, zone relax, palestre, sale di meditazione, tutto per aumentare la produttività dei lavoratori. Cos’altro fa contenti gli impiegati? Una lauta ricompensa per il lavoro svolto. Intesa Sanpaolo ha trovato l’accordo con i sindacati. Verserà un Premio di risultato di importo variabile fino a 3.800 euro.

Intesa Sanpaolo e il premio di risultato per i dipendenti

Saranno 70 mila i bancari di Intesa Sanpaolo che riceveranno un premo di risultato di importo compreso tra 1.150 e 2.950 euro in base all’inquadramento. L’accordo con Fabi, First Fisac, Uilca e Unisin è arrivato e prevede anche un incremento extra del 30% in baso alla chiusura del bilancio 2024. Significa che la somma potrà arrivare ad un nuovo range, quello tra 1.500 e 3.800 euro. E non finisce qui.

Intesa Sanpaolo e il regalo da 3.800 euro
Intesa Sanpaolo e il regalo da 3.800 euro (Cityzen.it)

Alle somme citate si deve aggiungere in sistema incentivante previsto da Intesa Sanpaolo. I dipendenti con guadagni entro i 39 mila euro lordi riceveranno un’integrazione variabile tra i 100 e i 150 euro. Una quota una tantum di 400 euro, invece, spetterà ai neoassunti dal mese di giugno. Il percorso di miglioramento delle previsioni per i lavoratori della banca è appena iniziato. Andrà avanti parallelamente alla continua crescita dell’istituto.

Il Bonus sarà erogato nel 2025 e finanziato da 165 milioni di euro. L’accordo tra banca e sindacati ha avuto come obiettivo la redistribuzione in favore dei redditi più bassi – sottolinea il segretario responsabili della Fisac Cgil del Gruppo Roberto Malano – fissando un premio base garantito dai 1.150 euro ossia con un aumento del 12% rispetto l’anno passato. Si è cercato di consolidare parte del premio 2023 in erogazione in questi giorni dati gli ottimi risultati raggiunti dall’istituto.

Impostazioni privacy