Assegno Unico, 3 modi facili per aumentare l’importo mensile

L’importo dell’Assegno Unico varia in base all’ISEE del nucleo familiare, che viene redatto da gennaio a marzo, ma da aprile si può effettuare un’altra operazione.

L’ISEE, come sappiamo, è uno strumento fondamentale per ottenere i benefit spettanti, e anche perché a seconda della situazione economica dei richiedenti l’Assegno Unico gli importi erogati saranno differenti.

come alzare importo assegno unico
Esistono almeno 3 strade per aumentare l’importo dell’Assegno Unico – Cityzen.it

Se l’INPS non trova conformità con le dichiarazioni effettuate, sospende le erogazioni e poi solamente dopo che la pratica è stata aggiornata con quanto richiesto saranno corrisposti tutti i benefit previsti, compresi eventuali arretrati.

Cosa cambia dal 1 aprile 2024 per l’Assegno Unico? Ecco cosa si può fare per aumentare l’importo

Le famiglie che desiderano aumentare l’importo dell’Assegno Unico possono muoversi sostanzialmente su tre fronti.

cosa fare per aumentare importo assegno unico
I genitori hanno diversi modi per ottenere un Assegno Unico più alto – Cityzen.it

Il primo è quello di regolarizzare la pratica in caso l’Istituto di previdenza abbia trovato delle irregolarità; il secondo modo è quello di produrre l’ISEE corrente; il terzo è di comunicare all’INPS che entrambi i genitori hanno un lavoro.

L’ISEE corrente è un nuovo ISEE effettuato dopo quello valevole per l’anno in corso. Infatti come sappiamo l’ISEE va a guardare i redditi dei due anni precedenti e dunque in questo lasso di tempo potrebbe essere cambiata la condizione economica della famiglia.

Se ad esempio un componente del nucleo familiare ha perso il lavoro, o ha visto una riduzione importante dello stipendio, può dimostrarlo con l’ISEE corrente e di conseguenza l’Assegno Unico andrà ad alzarsi. Esistono però delle regole precise per redigere l’ISEE corrente, ovvero:

  • aspettare il 1 aprile, perché prima non è possibile;
  • nel nucleo familiare si deve essere verificata una variazione della situazione lavorativa per uno o più componenti il nucleo familiare;
  • oppure una variazione negativa del 25% della situazione reddituale del nucleo familiare;
  • oppure una riduzione del patrimonio complessivo del nucleo familiare superiore al 20% rispetto alla situazione patrimoniale individuata nell’Isee ordinario.

Naturalmente in caso di dubbio sui dati da dichiarare è possibile recarsi al Caf o al patronato, così da essere certi che si possa redigere l’ISEE corrente e quale documentazione serva.

Come detto poco sopra, poi, l’Assegno Unico aumenta anche nel caso in cui entrambi i genitori lavorano. Attualmente le normative “premiano” questa eventualità con una maggiorazione che di 34,10 euro per chi ha un ISEE pari o inferiore a 17.090,61 euro. Anche in questo caso, se uno dei genitori ha trovato un lavoro dopo che è stato redatto l’ISEE ordinario, potrà comunicare all’INPS la variazione e di conseguenza aumenterà anche l’importo dell’Assegno Unico.

Impostazioni privacy