730 precompilato: si accede con il PIN: scopri come ottenerlo

Come si ottengono e quali sono i PIN per accedere al 730 precompilato: i passaggi per riuscirci e i dettagli da sapere in merito

Il tema legato alla dichiarazione dei redditi desta sempre attenzione, a maggior ragione ora, nel periodo in cui le Entrate rendono disponibili ai contribuenti il 730 precompilato ed il modello Redditi precompilato, nella data del 30 aprile.

PIN per accedere al 730 precompilato
730 precompilato, quali PIN servono e come averli – cityzen.it

Tutti gli interessati hanno la possibilità di optare per l’invio della dichiarazione in modo diretto o attraverso CAF, commercialista e così via. Inoltre, da quest’anno prende il via la dichiarazione semplificata, che guiderà i contribuenti nel corso della compilazione del modello.

L’invio della dichiarazione in modo autonomo, richiede il possesso di determinate credenziali oppure PIN. Da alcuni anni a questa parte non si possono usare più i pin dispositivi INPS, così come le credenziali Fisconline, tranne in alcuni casi. Occorre avere SPID/CIE/CNS.

In aggiunta a questi, in alcuni casi residui e per specifici soggetti, vi sono anche le credenziali per accedere a NoiPA, Fisconline e PIN dispositivo INPS. Ma in che modo si possono ottenere le credenzialI SPID, CIE e CNS utili per l’accesso al 730 precompilato? Ecco a seguire i dettagli da sapere!

SPID, CIE e CNS, i PIN per l’accesso al 730 precompilato: come averli

Al fine di poter accedere al 730 precompilato occorre dunque il possesso delle credenziali previste, a cominciare dallo SPID. Per ottenerle, occorre l’accesso al portale di uno degli Identity Provider riconosciuti e vigilati da AgID e compiere la registrazione, infine svolgere il riconoscimento.

PIN per accedere al 730 precompilato
PIN 730 precompilato: i passaggi per avere le credenziali SPID, CIE o CNS – cityzen.it

Per attivare lo SPID occorre avere un documento incorso di validità come carta d’identità, passaporto o patente. Poi, la tessera sanitaria oppure il tesserino codice fiscale, o ancora un certificato d’attribuzione di uno dei due suddetti. E per concludere un indirizzo email e un numero di cellulare. Qui è possibile approfondire dettagli e aspetti a proposito dei gestori dell’identità digitale.

Si passa poi alla Carta d’identità elettronica, da poter richiedere al Comune di residenza o dimora sin dai 180 giorni prima della scadenza della propria carta di identità, oppure a seguito dello smarrimento/furto/deterioramento. Sul portale del Ministero dell’Interno si possono approfondire info e indicazioni.

Altra soluzione per accedere al 730 precompilato si lega alla Carta CNS, e in tal senso si può parlare sia della Carta CNS Imprese che della tessera sanitaria – TS – CNS; sia l’una che l’altra permettono l’accesso ai servizi online della PA.

Per riuscirci, occorre approfondire quanto indicato sul portale INPS rispetto a ciò che bisogna avere ed i passaggi a seguire.

L’accesso al 740 precompilato attraverso SPID/CIE/CNS, richiede di visitare infoprecompilata.agenziaentrate.gov.it e focalizzarsi su “accedi alla tua precompilata”. A questo punto va scelta la modalità d’accesso e andranno seguiti i passaggi per l’autenticazione, chiedendo agli esperti qualora si trattasse della prima volta.

Una volta all’interno dell’area riservata, ci si recherà su “la tua dichiarazione”, e si seguiranno le indicazioni del portale.

Impostazioni privacy